Interviste Modella

Ylenia Ferrante, quando il volare alto non fa paura

Abbiamo il piacere di presentare ai nostri lettori Ylenia Ferrante, modella e fotomodella per passione e assistente di volo per professione. Purtroppo il periodo non è dei migliori e l’attività di volo essendo ridotta permette ad Ylenia di spaziare in un mondo, quello della fotografia e della moda in modo particolare ed intensivo. Ylenia ha sempre avuto come sogno quello di fare la hostess di bordo e così dopo essersi diplomata con lode a Roma ha iniziato l’attività presso una compagnia aerea italiana.  Carattere solare ma essendo determinata spesso questa diventa testardaggine e allora… Le piace cimentarsi con cose nuove ed è molto curiosa. Ha la passione per le conchiglie e ne fa la collezione.  Ringraziamo Ylenia per averci concesso questa lunghissima intervista natalizia e invitiamo i lettori di Nonsolomodanews oltre che a leggere l’intervista ad andare a vedere la galleria fotografica che ha una bellissima sorpresa. 

Ciao, benvenuta su Nonsolomodanews, ti vuoi presentare?  “Ciao! Mi chiamo Ylenia Ferrante, ho 25 anni e abito ai Castelli Romani, zona rinomata a due passi dalla splendida Roma, città dove sono nata il 20 Febbraio 1996. Sono alta 173 cm e porto la taglia 40/42. Ho capelli lunghi e lisci castano scuro (anche se da piccola avevo super boccoli!) ed occhi marroni. Nella vita sono Assistente di Volo. Era il mio sogno fin da bambina che sono riuscita a realizzare subito dopo essermi diplomata con il massimo dei voti e lode presso l’Istituto Tecnico per il Turismo <<Cristoforo Colombo>> di Roma, scuola che mi ha dato davvero tanto sia a livello di formazione che di esperienze. Mi sono avvicinata al mondo della moda intorno ai 20 anni in quanto mi ha sempre affascinata. Mi piace tantissimo posare come fotomodella soprattutto quando si tratta di progetti cuciti addosso a me come un abito su misura.”

Come sei di carattere? “Penso che sia impossibile descrivermi in poche righe ma ci provo! Sicuramente sono una ragazza solare, forte e sensibile allo stesso tempo, con carattere, estremamente sincera, entusiasta della vita e molto determinata. A volte la mia troppa determinazione sfocia in quella che io definisco <<testardaggine>>, un mio pregio/difetto… ma è proprio grazie a questo mio lato del carattere che ho raggiunto determinati obiettivi e mi vado assolutamente bene così! Sono una persona che deve fare tutto ciò che sente perché non voglio avere rimpianti. Anche perché cosa sarebbe la vita se non avessimo il coraggio di rischiare? Si deve tentare, sempre!”

Sei curiosa? “Assolutamente si! Mi attira tutto ciò che è nuovo e ancora sconosciuto…”

Qual è il tuo colore preferito? “Amo il colore rosso. Penso che mi rappresenti a pieno… deciso, travolgente e passionale.”

Quali sono le tue passioni? “Ho la passione per il volo e per i viaggi, motivi per i quali ho deciso di intraprendere la carriera di Assistente di Volo. Penso che non ci sia cosa più bella al mondo se non quella di conoscere, vivere e vedere con i propri occhi posti nuovi, meravigliosi, con culture e tradizioni diverse ed uniche allo stesso tempo. I viaggi ti riempiono il cuore e l’anima, ti arricchiscono da tutti i punti di vista. E poi ho la passione per le conchiglie. Me l’ha trasmessa mia nonna, la mia amata nonna Margherita, con la quale fin da piccolissima facevo passeggiate chilometriche lungo la spiaggia e fu proprio lei a farmi notare la bellezza di questi gioielli creati dal mare. Da lì ho iniziato a raccoglierle ovunque in giro per il mondo e a collezionarle. Ne ho davvero tante, dalle più comuni e alle più rare e particolari, dalle più piccole alle più giganti… e ne vado super orgogliosa. Guai a chi me le tocca!”

Come stai vivendo la pandemia? “All’inizio non nego che l’ho vissuta malissimo in quanto la mia vita è stata stravolta nell’arco di pochi giorni. Ero abituata ad un certo stile di vita super dinamico dato il lavoro che faccio e trovarmi rinchiusa nelle quattro mura di casa per mesi è stato un trauma. Sicuramente ora va molto meglio dato che la situazione pandemica è migliorata rispetto ai primi tempi. Attualmente c’è molta più possibilità di “vivere” anche se non vedo l’ora di tornare alla vera e pura normalità dove questo virus e le mascherine saranno solo un brutto e lontano ricordo.”

Come ti sei avvicinata alla fotografia? “Mi è sempre piaciuta l’idea di rendere un momento immortale ed eterno tramite lo scatto di una foto. Mi piace rivederle dopo tempo e percepire le sensazioni legate a quel momento. E poi amo posare per servizi fotografici. Ogni set, ogni progetto, ogni scatto mette in luce una delle mie tante sfaccettature sia fisiche che caratteriali. Per questo circa 6 anni fa mi sono iscritta ad un’agenzia di moda a Roma e da lì ho iniziato a conoscere vari fotografi che hanno dato il via a questa fantastica avventura ed esperienza lavorativa.”

In una tua fotografia di ritratto che cosa noti immediatamente? “Gli occhi. Sono lo specchio dell’anima e chi mi conosce davvero sa leggermi perfettamente guardandomi negli occhi…i miei parlano da soli e dicono più di quanto possano fare le parole.”

Quali sono le tue sensazioni quando vieni fotografata? “Dipende dal tipo di scatti che vado a realizzare quindi passo dal senso di divertimento per gli scatti più leggeri e spensierati al sentirmi super sexy e sensuale per gli scatti più glamour.”

Quali sono i generi fotografici che preferisci e perchè?  “I genere fotografici che preferisco sono i ritratti, lo street/fashion ed il glamour elegante e sensuale. Non mi piace ostentare ma far immaginare…”

Un progetto fotografico che vorresti realizzare? “Mi piacerebbe tantissimo realizzare un servizio fotografico in un campo di grano con le aiuole di fieno…un mood un po’ wild.”

Che cosa è per te la volgarità? “Tutto ciò che è eccessivo e spinto in senso negativo. L’opposto della sensualità e della classe. Il troppo stroppia come dice il proverbio.”

Qual è il capo di vestiario che ami di più e quello di meno?  “Amo tantissimo i vestitini, li indosso sia in estate che in inverno. Mentre ciò che mi piace meno sono le tute, comode ma non sono da me!”

Scarpe basse o tacchi?  “Dipende dalla situazione ma se devo scegliere…i tacchi stanno bene su tutto!”

Un accessorio che non manca mai quando esci da casa? “Gli anelli…mi fanno impazzire! Devono essere belli, fini ed eleganti e devono rappresentarmi, come ogni cosa che indosso d’altronde.”

Qual è il tuo rapporto con la tecnologia? “Sono abbastanza tecnologica, mi piace! Poi al giorno d’oggi quasi tutto si basa sulla tecnologia quindi…”

Quali sono i tuoi riferimenti social? “Amo Instagram, il social che uso di più. Il mio nome è <<ferranteylenia>>. Ho il profilo chiuso, ad oggi non mi interessa il numero di followers. Preferisco poter gestire e controllare chi mi segue perché sulla mia vita sono un po’ <<privata>> passami il termine… nel senso che non mi piace condividere le mie cose con gente che non conosco minimamente oppure che non mi convince per qualche motivo.”

Se dovessi cambiare città dove vorresti andare a vivere? “Amo follemente la mia città e avendo girato gran parte del mondo posso confermare che di posti belli ce ne sono tanti ma come Roma nessuna! Però tornando alla domanda…se dovessi cambiare città andrei a vivere a Bologna.”

Sogno nel cassetto? “Sono piena di sogni da realizzare! I sogni danno davvero forma al mondo, danno un senso alla propria vita. Li tengo custoditi dentro di me in attesa che diventino realtà…e sono sicura che sarà così!”

Grazie!

“Grazie mille a te Bruno per questa intervista. Mi ha fatto davvero molto piacere! Spero di collaborare presto insieme.”

Bruno Angelo Porcellana

Le fotografie sono fornite da  Ylenia Ferrante  – I crediti appartengono ai relativi fotografi
Tutti i diritti riservati © 2021 – Email: nonsolomodanews@gmail.com

 

 

 

 

 

You Might Also Like

No Comments

    Leave a Reply