Interviste

Diana Trandafir è la Venere d’Italia 2018

Diana Trandafir, giovanissimi modella  da Velletri (RM) è la  Venere d’Italia 2018, concorso ideato da Pietro Cortese e che si è svolto nel passato mese di settembre a Cirò Marina (KR). Oltre alla passione per la moda, Diana è studentessa di grafica pubblicitaria. Rinnovando i complimenti per la vittoria del prestigioso concorso, ringraziamo Diana per l’intervista auguriamo ai lettori di Nonsolomodanews buona lettura.

Ti vuoi presentare? “Mi chiamo Diana Trandafir e vengo da Velletri in provincia di Roma. Sono nata il 24 ottobre 2000 (diventerà maggiorenne tra pochi giorni) Ho gli occhi verdi e i capelli castani, n. di scarpe 38, la mia altezza è di 173 cm, seno 80, vita 62 e fianchi 83. ”.

Innanzi tutto complimenti per avere conquistato il titolo nazionale di Venere d’Italia 2018 “Grazie di cuore!”.

Ci dici in due parole le emozioni che hai provato partecipando al concorso? “È stato tutto molto inaspettato diventare la Venere D’Italia 2018 tra tutte le bellezze che c’erano ed essere stata scelta per me è stata un emozione molto forte che adesso non saprei descrivere è solo al pensiero mi viene la pelle d’oca”.

Come sei giunta alla finale nazionale? “Ho fatto una selezione ad Agosto che mi ha portato poi alla finale nazionale a Settembre”.

Come sei di carattere? “Premetto che ho un carattere molto complicato, sono una ragazza molto curiosa, e adoro cimentarmi in nuove esperienze e conoscere ciò che mi circonda oltre a questo sono una ragazza solare, sensibile, con molti amici e che sa divertirsi. Ma, ho anche io dei difetti, uno tra questi è il mio essere orgogliosa che molte volte mi fa fare delle scelte sbagliate. 

Qual è il  tuo rapporto con gli animali “Amo tutti gli animali, senza distinzioni”.

Qual è il colore preferito? “Il mio colore preferito è il rosa, rispecchia  la mia persona sensibile “.

Che cosa è per te la femminilità? “La femminilità  è la riservatezza, la capacità di una donna di esprimere attraverso parole e aspetto la propria bellezza interiore”.

Pensi che presentarti davanti al pubblico in costume possa ledere la tua femminilità? “Assolutamente no,sta tutto nei modi,nella raffinatezza e nell’essere eleganti”.

Meglio essere o apparire? Ci parli delle tue esperienze di modella e fotomodella? “Di sicuro essere,essere veri e soprattutto se stessi. Ho iniziato quando ero più piccola con sfilate di paese,poi piano piano sono cresciuta ,ho fatto nuove esperienze fino ad arrivare a fotografare e sfilare per stilisti conosciuti”.

Quando hai iniziato a posare? “Mi è sempre piaciuto essere fotografata anche quando ero più piccola,però,ho iniziato seriamente da circa tre anni”.

Quali sono i generi fotografici che preferisci e perché? “Mi piacciono quasi tutti i generi fotografici come “fotografia di moda”,”glamour “ in particolare però, il ritratto perché il viso è una delle nostre espressioni più vere”.

Hai un progetto fotografico ti piacerebbe realizzare e perché? “Il progetto fotografico da realizzare a breve è con PlayBoy e questo per me è una grande opportunità e soddisfazione”.

Che cosa significa per te “essere una modella? “Per me essere modella è il sogno che ho sempre avuto nel cassetto e che finalmente sento di realizzare,mi piacerebbe diventare una fonte di ispirazione per le ragazze che mi guardano e mi seguono”.

Segui e pratichi qualche sport in particolare? “Ho praticato danza classica quando ero piccola per poi smettere due anni fa,per il momento non pratico nessuno sport anche se vorrei iniziare di nuovo danza”.

Hai degli hobby? “Nel mio tempo libero adoro stare in compagnia dei miei amici,ascoltare la musica,ma oltre a questo amo sfilare”.

Qual è il rapporto con la tecnologia e in modo particolare con il telefono? Potresti vivere senza i social? “Il telefono è diventata una parte fondamentale della mia giornata, mi piace sentirmi con i miei amici e ascoltare musica. Uso molto i social, più di tutti istagram dove pubblico e condivido le foto che più mi piacciono”.

Quali sono i tuoi riferimenti sui social, FB, Instagram e se ne hai altri in modo tale chi volesse seguirti lo può fare senza sbagliare. “Su Facebook mi si può trovare come Diana Trandafir,Instagram come _dianatrandafir”.

Qual è il tuo rapporto con il cibo? “Non seguo nessun tipo di dieta e principalmente mangio ciò di cui ho voglia”.

Qual è il piatto che ti piace di più? “Non ho un piatto preferito,amo però più i secondi piatti”.

Hai una modella che conosci e alla quale ti ispiri? “La mia modella preferita è Irina Shayk”.

Che cos’è per te la moda? “La moda per me non è seguire la massa ma esprimere al 100% me stessa e mettere i capi che più mi rappresentano”.

Qual è l’accessorio che non ti stacchi mai quando esci? “Assolutamente gli orecchini, trovo che diano un tocco in più al mio outfit”.

Tra rossetto, mascara e smalto, quali tra i tre non vorresti mai uscire senza? “Lo smalto perché per me è simbolo di eleganza e femminilità e le mani devono sempre essere curate”.

Come è stato il rapporto con le altre concorrenti del concorso? E’ nata qualche nuova amicizia? “Ho conosciuto un po’ tutte le ragazze, tutte simpaticissime ma in generale sono sempre rimasta con le ragazze della mia ragione”.

Se avessi di fronte a te le altre concorrenti del del concorso che cosa le vorresti dire che non hai detto la sera dell’incoronazione a Venere d’Italia 2018? “Direi a tutte di non mollare mai perché con l’impegno i risultati ci sono sempre, forza ragazze!”.

Sogno nel cassetto? “Il mio sogno nel cassetto e quello di sfilare per Victoria Secret”.

Ultima domanda, hai qualche persona in particolare da ringraziare per la tua partecipazione al concorso Venere d’Italia? “Prima di tutto i miei genitori che mi hanno sempre spronato e incoraggiato. E poi Simonetta della fashion diamonds che mi ha fatto partecipare a questo concorso, ma anche perché in questi anni mi ha fatto crescere e mi è stata sempre accanto”.

Le fotografie sono state fornite da Diana Trandafir. I diritti appartengono ai relativi fotografi.
Tutti i diritti riservati © 2018 – Email: nonsolomodanews@gmail.com
E’ vietata la riproduzione senza l’autorizzazione scritta.  Ogni abuso verrà perseguito a termini di legge

 

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply