Carnevale Venezia Interviste

Carnevale di Venezia 2019 – Rebecca Bonini si racconta

Pubblichiamo una bella intervista rilasciata in esclusiva per Nonsolomodanews dalla modella Rebecca Bonini, una delle dodici Marie che hanno partecipato al Carnevale di Venezia 2019. Ringraziamo Rebecca per averci concesso questa bella intervista e invitiamo i nostri lettori a seguirla sui social e in TV.  Buona lettura!

Instagram

 

Ciao Rebecca, benvenuta su Nonsolomodanews, ti vuoi presentare?  Sono Rebecca ho 21 anni e sono di Venezia. Le mie misure sono: Seno: 80 Vita: 68 Fianchi: 86 Numero di scarpe: 38 Colore occhi: marroni/gialli.  Sono sempre stata una ragazza fuori dagli schemi, una casinista nata, una che fa mille cose. La grande energia che mi contraddistingue mi ha portata a fare scelte a volte di puro istinto ma sempre e comunque giuste. Mi descriverei così, una ragazza sognatrice con voglia di imparare e fare nuove esperienze. Lunatica ? Assolutamente no ! Ho sempre il sorriso e sono molto autoironica,con la testa sulle spalle e senza grilli per la testa”.

Tu sei stata una Maria del Carnevale di Venezia 2019, avresti mai pensato di farne parte come protagonista? “A dire la verità si me lo aspettavo, nonostante fossimo 86 ragazze al casting sapevo di avere una marcia in più”.

Come sei arrivata a farne parte? Per partecipare alle Marie bisognava fare un casting dove dovevi presentarti davanti ad una giuria tecnica e parlare di te,loro guardavano sopratutto il modo in cui una ragazza si poneva”

Ci racconti una giornata tipo della Maria del Carnevale di Venezia? “Abbiamo vissuto 10 giorni intensi dove abbiamo alternato varie attività sia sociali e anche divertenti. Ad esempio ci trovavamo in hotel attorno alle 9 del mattino andavamo a visitare palazzo ducale oppure la libreria marciana (ogni giorno si cambiava ) un giro in gondola nel pomeriggio, un aperitivo prima di cena e poi una serata tra musica e balli”.

La Maria che cosa rappresenta? “In chiave moderna la rievocazione storica del 947 quando non c’erano molti matrimoni e quindi decisero che 12 famiglie patrizie dovevano scegliere le 12 fanciulle più belle di Venezia e dare a loro la dote. Abbiamo rappresentato per 10 giorni delle fanciulle del 900 simbolo della bellezza è della storia di Venezia”.

Qual è stato il momento più emozionate che hai vissuto durante il Carnevale di Venezia? “Il momento più emozionante è stato il 23 febbraio (il primissimo giorno) quando siamo salite nelle portantine da San Pietro di castello fino ad arrivare a San Marco. Le persone ci acclamavano, erano lì a vedere noi che aprivamo il carnevale nella bellissima piazza San Marco, è stata un emozione inspiegabile. Un altro momento molto significativo è stato anche l’ultimo giorno dove nello stesso palco abbiamo fatto volare il gonfalone e piano piano saliva fino su nel campanile, in quel momento mi scendevano le lacrime e pensavo man mano la bandiera saliva che purtroppo l’anno seguente io non sarei scesa dal <<paron di casa>>”.

In cuor tuo hai mai pensato di diventare la Maria del 2019?In cuor mio si speravo di essere io la Maria 2019 , ero molto acclamata dai veneziani e dai Fotografi. Speravo per una volta vincesse la meritocrazia e la venezianitá. Le perplessità sollevate della scelta della Maria 2019, sono il risultato di un dubbio di fondo dovuto da una percezione generale, che non vede la vincitrice totalmente parte integrante del sentimento di appartenenza alla città, che deve contraddistinguere in ultima istanza la vincitrice. Per questo motivo mi sento la vincitrice morale, perché come spero abbiano percepito le persone, io Venezia c’è l’ho veramente dentro”.

Dalle tue parole emerge un certo disappunto sulla scelta della Maria del 2019 e visto che Linda Pani è stata dichiarata la vincitrice del 2019, hai qualcosa da dirgli e che non sei riuscita a farlo durante il Carnevale? “Linda pani è una ragazza molto simile a me (per certi versi caratteriali) anche se nata a Venezia è cresciuta a Mogliano Veneto (provincia di Treviso) e sinceramente anche se <<Venezia c’è l’ha dentro>> non è veneziana. L’unica cosa che vorrei dirle visto che studia recitazione che quando si recita una parte (che ha recitato per 10 giorni) deve anche saperla mantenere fino alla fine , non aggiungo altro”.

Dalla tua risposta emerge che siete stata più avversarie che complici…

Ultima domanda, più emozionante scendere dal campanile di San Marco o sfilare in intimo davanti a milioni di spettatori di Detto&Fatto su rRai 2? “Sono due cose completamente diverse, sono molto felice quando vado su Rai2 è molto emozionante perché comunque sai che ti guardano tantissime persone. Il volo dell’Angelo deve essere una emozione enorme, abbracciare Venezia ed essere simbolo della città. Ma non sarò io, ma non per questo mi rattristo, ho vinto nella vita che è molto meglio e sicuramente avrò altri progetti più grandi”.

Grazie Rebecca e in bocca al lupo per il tuo futuro.

Bruno Angelo Porcellana

Le fotografie sono state fornite da Rebecca Bonini  – I crediti appartengono ai relativi fotografi
Tutti i diritti riservati © 2019 – Email: nonsolomodanews@gmail.com

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply